Differenze tra le versioni di "Arvaia"

Da EU wiki.
Riga 46: Riga 46:
 
* 47 = ettari di terreno di cui 5 a orto, 10 a seminativo (orzo, grano), 10 a trifoglio, veccia poi girasole (per rotazione), 2 a frutteto, 15 a erba medica il resto, 5 ettari, è parco comunale mantenuto dalla cooperativa
 
* 47 = ettari di terreno di cui 5 a orto, 10 a seminativo (orzo, grano), 10 a trifoglio, veccia poi girasole (per rotazione), 2 a frutteto, 15 a erba medica il resto, 5 ettari, è parco comunale mantenuto dalla cooperativa
 
* 49 = tipi diversi di ortaggi
 
* 49 = tipi diversi di ortaggi
* 200 = parti distribuite ogni settimana per 50 settimane in un anno
+
* 200 = parti distribuite ogni settimana per 49 settimane in un anno
 
* 558 = quintali distribuiti di ortaggi e verdure biologici, tutti naturalmente stagionali
 
* 558 = quintali distribuiti di ortaggi e verdure biologici, tutti naturalmente stagionali
 
* circa 6 kg in media di ortaggi per ogni parte consegnata alla settimana
 
* circa 6 kg in media di ortaggi per ogni parte consegnata alla settimana

Versione delle 22:01, 11 feb 2019

Assemblea gennaio 2017
Preparazione del terreno
Trapianto dei cipollotti
Campo dei cavoli
Raccolta di cocomeri e meloni
Parte in distribuzione
Trasformati e granaglie
Classe quinta elementare ad Arvaia

In sintesi[modifica]

Arvaia.png

Arvaia è una cooperativa di agricoltori e consumatori che su un terreno vicino a Bologna coltivano ortaggi biologici e se ne dividono i frutti e le spese. L'unione fra agricoltori e consumatori si manifesta con una collaborazione molto stretta in diversi settori. Prima di tutto nella scelta e nella programmazione delle semine, poi nell'aiuto al diserbo, alla raccolta e alla distribuzione.

Arvaia è cioè una Comunità che sostiene l’Agricoltura (in inglese CSA = Community Supported Agriculture), cioè una comunità di cittadini nata per coltivare direttamente il proprio cibo in modo sostenbile e solidale. I soci infatti non sono clienti di una azienda agricola, ma partecipano direttamente alle scelte di base e alla gestione economica della cooperativa.

La distribuzione del raccolto di ortaggi funziona con una modalità particolare, ancora quasi inedita nel nostro paese. I soci finanziano con una quota annuale la produzione di ortaggi, ricevendo settimanalmente una parte del raccolto, ovvero ortaggi freschi, stagionali, rigorosamente biologici, che vengono suddivisi in parti uguali tra i soci che partecipano al progetto.

Organizzazione di Arvaia

All’inizio di ogni anno, dopo aver consultato i soci sulla loro volontà di partecipare alla divisione degli ortaggi, viene calcolato il budget delle spese necessarie alla produzione che viene diviso fra i soci partecipanti. Si ottiene così una quota media consigliata: se tutti versassero la quota media consigliata, il budget sarebbe coperto. Ma durante l’incontro-asta, i soci hanno la possibilità (in forma anonima) di offrire di più, se possono, o di meno, se non riescono a sostenere la spesa della quota media. Le offerte si compensano fino alla copertura delle spese: a fronte della quota offerta ciascun socio riceve la stessa parte di verdure, secondo un meccanismo di solidarietà interna che vuol rendere accessibile a tutti le buone verdure biologiche di Arvaia.

L'organizzazione di Arvaia si basa su quattro Gruppi operativi che fanno capo al Coordinamento.

  1. Agricoltura e verde pubblico
  2. Distribuzione
  3. Economia e organizzazione
  4. Comunicazioni, eventi e formazione

Ogni socio può liberamente partecipare sia a un gruppo, sia al coordinamento con l'unico vincolo della continuità della partecipazione. Nei gruppi operativi si prendono le decisioni pratiche, mentre nel coordinamento quelle di orientamento generale. In Assemblea tutti i soci si riuniscono due volte l'anno per discutere e deliberare sui temi essenziali della comunità e per definire i contributi individuali a sostegno delle spese di produzione.

Per avere altre notizie, oltre al sito di Arvaia si può consultare la pagina di Arvaia su Facebook.

I numeri dell’anno agricolo 2017-18[modifica]

Impollinazione.jpg
  • 2013 = anno di fondazione della cooperativa
  • 2015 = vincita del bando comunale per l'affitto dell'attuale terreno
  • 300.000 € = circa bilancio annuale
  • 5 = agricoltori a tempo pieno - soci lavoratori: Paola, Stefano, Lorenzo, Cecilia e Laura
  • 3 = responsabili a tempo parziale: Nunzia, Alberto e Carlo
  • 390 = soci della cooperativa fra cui sovventori
  • 190 = soci annuali che comprano gli ortaggi
  • 47 = ettari di terreno di cui 5 a orto, 10 a seminativo (orzo, grano), 10 a trifoglio, veccia poi girasole (per rotazione), 2 a frutteto, 15 a erba medica il resto, 5 ettari, è parco comunale mantenuto dalla cooperativa
  • 49 = tipi diversi di ortaggi
  • 200 = parti distribuite ogni settimana per 49 settimane in un anno
  • 558 = quintali distribuiti di ortaggi e verdure biologici, tutti naturalmente stagionali
  • circa 6 kg in media di ortaggi per ogni parte consegnata alla settimana
  • 15,5 € = costo medio a settimana degli ortaggi buonissimi e autenticamente biologici (2,6 € al kg)
  • 750 € = quota media annuale consigliata
  • 15 = quintali di orzo e grano
  • 500 = vasetti di passata di pomodoro a 1/2 kg (il numero dipende dagli anni)

Coltivazioni[modifica]

Mappa dei campi di Arvaia

Si coltivano ortaggi, cereali e frutti esclusivamente con tecniche di agricoltura biologica, basate sull’ingegno, la conoscenza e la cura assidua: no pesticidi, né diserbanti, né fertilizzanti chimici. Parte del raccolto viene trasformato in farine integrali o semintegrali, cereali in chicchi, conserva di pomodoro, olio di girasole, orzo tostato per il caffè, miele e tisane.

Gli ortaggi sono coltivati parte in pieno campo e parte in tunnel coperti che ci consentono di anticipare o prolungare la stagione di raccolta. L'irrigazione viene realizzata con un sistema a goccia per contenere e ottimizzare il consumo di acqua.
Frutta: oltre alle fragole e ai meloni già previsti nel piano colturale attuale, fra qualche anno ci saranno mele, pesche e altra frutta.
Si coltivano cereali: avena, farro, grano, mais, miglio e orzo. E legumi: ceci, fagioli, piselli, e girasole. Il frumento di Arvaia è un miscuglio di grani antichi. Si tratta di varietà coltivate in Italia prima dell’affermazione dell’agroindustria e dalle caratteristiche nutrizionali superiori a quelle delle varietà moderne.

Distribuzione[modifica]

Estratto dal Vademecum per il ritiro delle verdure

  • Quando arrivi fai attenzione che il tuo nome sia nella lista di chi ritira quel giorno e cancellalo in modo che quelli che vengono dopo di te sappiano quante persone devono ancora ritirare.
  • Controlla l'elenco delle quantità previste per ogni tipo di verdura. Controlla se riconosci e se ci sono tutte le verdure indicate.
  • Pesa con attenzione e cerca di non superare il peso previsto (quello che prendi in più potrebbe lasciare senza verdura quelli che arrivano per ultimi).
  • Prendi la verdura senza fare selezioni esagerate, altrimenti ancora una volta l'ultimo avrà la verdura più brutta. Pensa sempre che un giorno anche tu potresti essere l'ultimo!
  • Informati su chi è il referente del tuo gruppo di distribuzione e segnala a lui qualunque cosa non funzioni correttamente.
  • Ricordati che siamo tutti soci, che Arvaia si basa sull'idea della reale cooperazione partecipativa. Noi siamo al tempo stesso i clienti e i nostri stessi fornitori.
Ortaggi in distribuzione da aprile 2017 a marzo_2018
Punti di distribuzione degli ortaggi

Bilancio sociale e ambientale[modifica]

Da queste due pubblicazioni si possono ricavare molte informazioni interessanti su Arvaia.

Qui si può scaricare il Bilancio economico 2017